Abbigliamento moda uomo donna e bambini - Logo
Abbigliamento | Abbigliamento uomo | Abbigliamento donna | Per bambini | Intimo | Scarpe | Accessori abbigliamento | Contatti

Le origini e la storia dell'intimo.
La nascita e lo sviluppo dell'abbigliamento intimo femminile.

Parte II. Dagli inizi del Novecento agli anni '70.

La storia della biancheria intima è parallela a quella della liberazione femminile, segna il passaggio dalla condizione sociale di costrizione a quella di libertà.
Il busto con le stecche di balena, gli stringi-seno, i mutandoni e le giarrettiere che segavano le gambe, quell'insieme di nodi ganci e bottoni, erano tutti elementi che sottileavano la schiavitù, l'impaccio e la difficoltà di movimento.

In questo senso il Novecento è stato un secolo rivoluzionario, un secolo di liberazione, un secolo che ha visto numerosi stravolgimenti nel mondo dell'intimo donna, dovuti anche all'industrializzazione e alla scoperta di nuovi materiali.
Nel 1914 compaiono i primi reggiseni, l'intimo abbandona le pesantazze di tessuti coprenti e scopre trasparenze e tessuti leggeri.
Negli anni '30 l'indumento intimo più utilizzato è la sottoveste.
I mutandoni si accorciano sempre più e nascono i primi slip.
Con l'invenzione del rayon prima e del nylon dopo, le calze diventano un'accessorio insostituibile per ogni donna; si sviluppano così anche le giarrettiere.

Le seconda guerra mondiale segna uno stop nello sviluppo dell'intimo e l'inizio di un periodo buio di forte crisi economica.
La produzione dei collant viene fermata e alcune donne arrivano addirittura a disegnarsi sulle gambe la cucitura posteriore che li caratterizzava.

Gli anni '50 segnano la rinascita dell'intimo donna.
I tessuti calano di prezzo, gli indumenti intimi sono alla portata di tutti, l'intimo diventa di massa.
Si assiste al ritorno della lingerie cosiddetta "scomoda", bustini e guepiere in testa, ma questa volta è solo per intento seduttivo ed esibizionista.
La vita si assottiglia ancora una volta per mettere in evidenza i seni prosperosi. E' la moda delle pin-up, di cui Betty Page è portabandiera.

Nei primi anni '60 l'intimo conosce il suo periodo di massimo splendore: mostrato e pubblicizzato dalle dive del cinema, diventa un fenomeno di costume.

Verso la fine degli anni '60, le forti tensioni sociali che caratterizzano questo periodo e che portano verso l'emancipazione femminile, finiscono per influenzare anche il modo di intendere l'abbigliamento intimo.
Per tutti gli anni '70 le parole d'ordine saranno comodità e sobrietà, i capi di biancheria dovranno rispondere a precise esigenze di libertà e confort.
Gli indumenti intimi principali saranno quidi reggiseni elasticizzati, panty sempre elasticizzati e collant da portare con le minigonne.

 

 

VAI ALLA PARTE III DELLA STORIA DELL'INTIMO

RITORNA ALLA PARTE I DELLA STORIA DELL'INTIMO


Betty Page con calze autoreggenti
Marylin Monroe con  guepiere e collant
Sophia Loren in completo intimo

Le origini e la storia dell'intimo - Abbigliamento moda sezione intimo donna: La guida alla biancheria intima femminile.

INTIMO DONNA. ARTICOLI E CAPI PER L'INTIMO FEMMINILE:

Intimo donna LINGERIE SEXY DONNA.

MODELLI DI INTIMO IN DETTAGLIO:

Slip e mutandine.
L'indumento intimo di chiara derivazione maschile
Perizoma
.
Trasparenti, pizzati, colorati, estremamente sexy

Culotte.
Comode e discrete ma al tempo stesso maliziose e seducenti

Collant e Calze.
Calze da donna, collant, gambaletti e autoreggenti

Reggiseni.
Reggiseni push up, a triangolo, a balconcino e imbottiti

Body.
Leggeri e aderenti, definiscono e slanciano le forme femminili
Guepiere.
Un micidiale strumento di seduzione
Bustini.
I discendenti degli antichi corsetti
Reggicalze e giarrettiere.
Intimo dalla forte valenza erotica e trasgressiva

Sottovesti.
Sopra slip e reggiseni, in seta e pizzo o anche elasticizzate
Baby doll.
Il simbolo della seduzione femminile

Privacy - Pubblicità - Contattaci